Test di valutazione della sicurezza «certificato COVID»

Attualmente sono in corso lavori intensivi per il certificato Covid, che sarà introdotto gradualmente nei cantoni a partire dal 7 giugno. Accompagnate dal Centro Nazionale per la Cibersicurezza (NCSC), si stanno effettuando varie analisi di sicurezza per ottenere un adeguato livello di sicurezza. A causa dei tempi stretti, gli esami casuali sono stati condotti finora dall’Istituto Nazionale di Test per la Cibersicurezza (NTC). Al fine di supportare ulteriormente le precedenti scoperte, il sistema sarà ora sottoposto a un test di resistenza da parte di ulteriori esperti e persone interessate nell'ambito di un test di sicurezza pubblica. Pertanto, il codice sorgente del certificato Covid è ora disponibile pubblicamente (https://github.com/admin-ch/CovidCertificate-Documents). Le lacune di sicurezza identificate durante questi test saranno registrate e confluiranno nello sviluppo su base continua. I risultati dei test effettuati finora saranno pubblicati nei prossimi giorni.

Lo scopo del Public Security Test (PST) è testare la sicurezza del Certificato Covid e creare fiducia prima del rollout pubblico. Il test inizierà il 31 maggio 2021. Confederazione vuole rendere il funzionamento e la sicurezza del Certificato Covid il più trasparente possibile. Per questo motivo tutti i componenti sono open source e verrà effettuato un test di sicurezza pubblico.

Il test viene condotto dal NCSC ed è improntato alla totale trasparenza. Le notifiche sui risultati avverranno sul sito web del NCSC, dove potranno essere registrate nel dettaglio tramite un modulo. Il NCSC riceverà queste notifiche, ne valuterà il contenuto, dando la priorità ai casi più critici e ne disporrà l’eventuale eliminazione. I feedback esistenti, aggiornati regolarmente, sono pubblici e possono essere visionati sul sito web del NCSC.

 

Ultima modifica 09.06.2021

Inizio pagina

https://www.ncsc.admin.ch/content/ncsc/it/home/dokumentation/covid-certificate-pst/infos.html